Vai a sottomenu e altri contenuti

Su Pardu ‘e Toneri e la linea del Treno Verde

I boschi valle degli antichi rioni di Teliseri e Toneri sono noti come Su Pardu 'e Toneri. Sono caratterizzati dalla presenza di latifoglie delle diverse specie: castagni, querce, sughere, noci, noccioli.

Il Trenino Verde della Sardegna

La vallata è attraversata dalla ferrovia centrale della Sardegna (la linea Mandas Sorgono), che oggi costituisce una delle cinque linee del Trenino Verde della Sardegna è una delle tratte ferroviarie più suggestive in Sardegna anche per la presenza di ciclopici ponti ferroviari realizzati circa 120 anni fa e che si presentano come e delle vere proprie opere d'arte e che la stessa Regione Sardegna (Assessorato all'Industria) in una sua importante pubblicazione ha inserito nel novero delle più importanti emergenze di Archeologia Industriale della Sardegna.

Su Ponte ‘e Su Sammucu

Tra queste opere rileva anzitutto il viadotto conosciuto come Su Ponte ‘e Su Sammucu, il più alto ponte ferroviario dell'Isola. Su Ponte 'e Su Sammucu, che si trova in una verde vallata ad un'altitudine di 622 metri s.l.m., conserva tutto il fascino delle antiche strutture industriali; in più è circondato da un paesaggio forestale che ha pochi eguali nell'Isola per grandiosità. Si sviluppa in curva, è lungo circa 63 metri ed alto 37, con 6 archi di dieci metri ciascuno. Presenta caratteristiche architettoniche frequenti nelle altre strutture simili, ma indubbiamente con qualcosa in più.

Il Ponte è costituito, tra i pochi in Sardegna, da un doppio ordine di archi, che non si sommano, ma si inseriscono gli uni negli altri. Su Sammucu può costituire, per la sua struttura ingegneristica ed architettonica ma anche per l'ambiente circostante, costituito da montagne granitiche e scistose, coperte da fitti boschi, ed alternate a strette valli lussureggianti, un notevole interesse per una possibile visita.

Una particolarità del ponte, ben visibile osservandone attentamente le volte, è la presenza di piccole stalattiti formatesi in circa un secolo in seguito a processi chimico-fisici dovuti allo scorrere dell'acqua piovana fra gli interstizi delle rocce di pietra calcarea che ne formano la struttura. Sono numerosissime e del tutto simili a quelle delle naturali cavità carsiche.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto